RSS

Archivi tag: Poesia

Vi presento Ciao, amore bello, ciao

E per la prima volta mi affaccio al mondo della poesia, con doveroso rispetto ed emozione. Da oggi è disponibile per la nuova collana poetica di Amarganta…

A governare i versi della raccolta Ciao, amore bello, ciao, è la sfera dei turbamenti e delle emozioni ad ampio spettro. Nella silloge emerge il quotidiano di temi universali, dall’amore alla lontananza, dalla libertà al desiderio erotico, dal rimpianto per un lutto o per una perdita alla rabbia. La poesia diviene strumento per descrivere dimensioni sociali complesse, comprese l’omosessualità, l’elaborazione del ricordo e l’affetto. Un cammino ricco di istantanee del vivere comune che avvolgono il lettore in una delicata dimensione intimistica.

Titolo: Ciao, amore bello, ciao
Autore: Francesco Mastinu
Editore: Amarganta
Pagine 54
Collana Poesia
ISBN Ebook        acquistabile nei maggiori store online
ISBN Cartaceo  978-1548556983 acquistabile qui e su Amazon

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 luglio 2017 in Letteratura

 

Tag: , , , , ,

Primo mare, ansie e ricerca della libertà per l’anno 2017

Non è stato un anno facile sinora, lo ammetto. E ancora oggi posso dire che ho bisogno, spesso, di fare appello a delle forze che nemmeno pensavo di avere. Ma si sa, a volte sole e mare aiutano, e me lo ero scordato. Basta guardarmi, guardarci qua, in questo piccolo paradiso.

Ieri abbiamo inaugurato la nostra stagione balneare anno 2017, stavolta a Costa Rei, vicinissimi al paese. Bei colori, belle tinte, tanto relax agognato, ma soprattutto il potere di spegnere la mente all’ansia e ai problemi che ancora rimangono in sospeso. E voglia, sì, di essere libero e di ricominciare.

Vi lascio le foto, solo perché quest’anno sono di poche parole. Ma mi auguro che sia l’inizio di qualcosa di nuovo, di una nuova energia per andare avanti, senza arrendersi mai. Ne abbiamo tutti quanti bisogno credo, e per una volta penso di averne necessità anche io.

E vi lascio la musica. A questo giro, la canzone e le note sono esattamente queste.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 giugno 2017 in Blog, Vita

 

Tag: , , , , , ,

Le canzoni di Sono solo parole[Playlist]

Questo romanzo, come ho già detto da qualche parte, nasce subito dopo la conclusione di Foglie, per l’idea di scrivere una storia che fosse il più possibile romance e che raccontasse un po’ di adolescenza. Alla fine, quel che ne è venuto fuori, è un crossover della serie Emozioni del nostro tempo, proprio perché i suoi protagonisti avevano deciso che non potevano ancora abbandonarci. C’è stata una canzone che mi accompagnato maggiormente nella storia, è la stessa da cui ne ho tratto il titolo. La cantante è Noemi, e questa è Sono solo parole, colonna sonora “madrina” della storia travagliata di Erika e Simone:

Proprio questa musica sta alla base di tutta la storia, del suo significato più intrinseco. Che il destino spesso gioca con le nostre vite, ma tutto quello che ci si palesa davanti, spesso serve per non lasciarci dietro i sospesi che potrebbero rincorrerci tutta la vita. E’ ovvio quindi che questa musica ha fatto parte soprattutto delle riflessioni di Simone ed Erika, e dei loro amici. Ma, come di consueto, eccovi la carrellata delle altre canzoni, insomma, della playlist dei momenti topici di Sono solo parole. Vi auguro buon ascolto!

Paula Cole – I don’t want to wait (l’arrivo di Erika a scuola e il primo incontro con gli altri, soprattutto con Simone)

Rolling Stones – Streets of love (Simone che si rende conto di avere una cotta per Erika e decide di provarci. le riflessioni sul rapporto tra Mirna e Manlio)

Michael Jackson – I just can’t stop loving you (il ballo a Capodanno)

Laura Pausini – Io canto (Scene dedicate ad Alba e alla festa di Spano)

Jewel – This Way (le confidenze di Erika alle sue amiche)

Melody Crittenden – Broken Road (Simone cerca di allontanarsi da Erika)

Shawn Colvin – Love came down at Christmas (Festa di Natale tra amici)

Savage Garden – Truly, madly deeply (Simone si rende conto di essere innamorato di lei, qualunque cosa Erika faccia)

Edwin McCain – I’ll be (Manlio fa i conti con le angherie di Sarah. Simone e il dilemma sulle esperienze sessuali)

Tracy Chapman – Fast car (momenti al falò tra tutti gli amici)

Alanis Morisette – Simple together (Erika propone la pausa di riflessione. Erika scopre del viaggio in USA)

Le vibrazioni – in una notte d’estate (Simone ed Erika, in spiaggia)

Mark Kozelek – Ruth Marie (I baci tra Erika e Simone)

Passenger – Let her go (Erika rimane sola in spiaggia. Erika che piange in macchina dopo il bacio di Simone. Simone lascia Barbara e se ne va di casa)

Verbow – Crest of Mary (I momenti al cinema tra Erika e Simone, sia durante il liceo che dopo l’università)

Alex Britti e Bianca Atzei –Non è vero mai (Erika fa i conti con le sue scelte, la proposta di matrimonio e le sue reazioni)

R.E.M. – Nightswimming (L’incontro tra loro nel tempo, in diverse occasioni)

Stevie Nicks – Free Fallin’ (Simone riceve la partecipazione di Erika e si sconforta)

Laura Doyle – I love you so (I momenti tra Barbara e Simone nella terza parte)

Weekend Excursion – Finally found you (Simone ed Erika si incontrano per caso, da adulti)

Damien Rice – Cold Water (Scena tra Erika e Simone a casa di lei, dopo aver scoperto il segreto di Barbara)

Tiziano Ferro e Laura Pausini – Non me lo so spiegare (Simone ed Erika cercano di cambiare vita, ma alla fine capiscono che sono ancora legati tra loro)

Tracy Chapman – All that you have is your soul (La cena a casa di Mirna e le riflessioni di tutti gli amici ormai adulti)

Michael Stipe e Joseph Arthur – In the sun (Simone va da Erika, fase finale della storia)

 
1 Commento

Pubblicato da su 4 dicembre 2016 in Blog, Letteratura

 

Tag: , , , , , , , , ,

Su di Noi[PensieriVolanti]#22

Noi

E nel buio – del buio – sulle cose perse, potrai sempre ritrovare il sentiero.
E nel silenzio – del silenzio – sugli amori sentiti, si sveleranno le soluzioni ai tuoi drammi.
E io sarò lì, alla fine della strada, per disegnare con le dita – le mie dita – gli abbracci troncati, le emozioni ferite e i desideri bruciati.
Sulla pelle – la tua pelle – li marchierò a memoria di quello che adesso, e domani, saremo tra noi.
Su di noi.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 aprile 2015 in Blog, Vita

 

Tag: ,

Anime Intrecciate[PensieriVolanti] #19

DSC04027

Come un canestro tra le mani di un anziano esperto, la tua vita appare allo specchio, all’inverso.
Persone che incroci, fanno parte di te. Vite che si ripetono, al di là del nostro tempo, angeli che ritornano e ti toccano il cuore con la mano, con i polpastrelli sanno suonare la melodia del tuo battito.
Va veloce, e poi lento. Di nuovo veloce, e dopo lento.
E poi, ancora, anime intrecciate che si snodano, si sciolgono e si completano, vite che diventano cestini artigianali nelle dita di chi abbiamo vicino e che nessuno, ti giuro, nessuno, potrebbe completare come te, come me.
Come noi.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 marzo 2015 in Vita

 

Tag: , , , , , , ,

L’Arcobaleno[Pensieri Volanti] #13

???????????????????????????????

Oggi ho visto l’arcobaleno e ho pensato a te. Ho cercato di afferrarlo, ma mi è scivolato dalle dita.
Però era lì, brillava in cielo. Te lo volevo regalare per poterlo ricordare, nei momenti in cui la vita si trasforma in una scala di grigi.
Volevo che scintillasse piano, e dolce, per tutte le volte in cui il buio avesse cercato di rapirti.
Oggi ho visto l’arcobaleno e ho pensato a te. L’ho toccato, poi è caduto, e sono rimasto lì, a guardarlo, sull’orizzonte, sul tuo sorriso, su di noi.
Oggi ho visto l’arcobaleno ma volevo soltanto pensare a te.
L’arcobaleno. E siamo solo sfumature.
A te.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 novembre 2014 in Vita

 

Tag: , , , , , , ,

A matita[PENSIERI VOLANTI] #9

DSC03627 - Copia

Bisogna fare attenzione a scrivere il nome degli affetti a matita, lì sul cuore. Perché ci sono legami che non sono capaci di esistere tanto a lungo da rendere migliore il futuro, tanti altri che rimangono ancorati al passato per il timore di crescere e dimostrare magari che si può vivere senza. La matita lascia una traccia, debole, che si può cancellare con un unico colpo di gomma, anche quando farlo fa male. Solo alcuni rapporti sono capaci di lasciarti dentro qualcosa di davvero indelebile. E si tratta di quelli che meritano di restare, in silenzio, a guardare assieme l’orizzonte.
Bisogna fare attenzione a scrivere il nome delle persone a matita, lì, sul cuore.

 
2 commenti

Pubblicato da su 22 settembre 2014 in Vita

 

Tag: , , , ,