RSS

Archivi tag: gravame

Diario di viaggio #7

Oggi volevo riflettere sui rapporti umani. Su come essi si possano costruire e disfare a volte perché si viene fraintesi. Ma soprattutto volevo parlare di legami, di sintonia. Di persone che non si conoscono e che si ritrovano, e riescono ad andare d’accordo, accertandosi per quello che sono. Situazioni che, nel bene o nel male, stupiscono sempre, e fanno bene al cuore.

Oggi abbiamo iniziato la giornata con la visita al Castello Peles, una residenza reale costruita dal 1800 in stile neorinascimentale tedesco. Un posto davvero suggestivo, con la funzione di sede di rappresentanza della monarchia.

È situato proprio a Sinaia, quindi immerso in un paesaggio speciale.

Dopo la visita, finalmente, ci siamo recati nel famosissimo Castello di Bran che, seppur un falso storico, è definito il Castello di Dracula, sul quale è stato negli anni improntato il turismo. Si tratta comunque del maniero che ha ispirato Bram Stoker per il suo romanzo, e questo mi fa riflettere (e gongolare) sul potere della letteratura.

Emozione indescrivibile, perlomeno per me.

Ok, sappiamo tutti che in realtà la vera dimora di Vlad l’impalatore si trova a Poenari della cui fortezza non sono rimasti che ruderi, e che il castello di Bran è più che altro un espediente turistico, ma si respira, credetemi, aria vampiresca sul serio, soprattutto negli esterni più che gli interni. Anche perché, a dirla tutta, rispetto agli altri palazzi reali che ho conosciuto, l’aspetto della ricostruzione della mobilia dell’epoca lascia abbastanza a desiderare.

Una critica estemporanea: ho rivalutato il modo di guidare italiano, in Romania sono sul serio avventati, e spesso impediti.

Questo pomeriggio invece abbiamo visitato la cittadina di Brasov, uno dei simboli storici della Transilvania se non dell’intera Romania. Ve ne lascio qualche scorcio suggestivo.

Comunque una cosa è certa: la tirannia di Cesausescu ha lasciato delle profonde ferite in questo popolo.

La cena è stata all’insegna dell’allegria, con musica dal vivo, vicino all’albergo.

è ora di dormire, cari.

Oggi mi va di salutarvi con questa: https://youtu.be/oq5fezofOjU

Buonanotte!

Scritto da Frà il 25 agosto 2017, a Sinaia, ore 23;45

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 agosto 2017 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Diario di viaggio #6

Poco da dire, oggi. Sveglia alle 6;30 e lunga giornata dedicata fondamentalmente alla natura e alle bellezze paesaggistiche. Ma non solo!

Abbiamo iniziato con una breve sosta in una casa privata rumena dell’ambiente rurale, dove vivono nonna e nipotino. Un’esperienza, data la storia personale, molto toccante per diversi punti di vista. Ok, per riservatezza non voglio raccontare nello specifico le vicende ma lasciare solo l’impressione che ne ho desunto: nonostante tutte le contraddizioni e forse un certo voler creare la barriera tra il noi e il loro, i rumeni hanno tante speranze. L’ho letta negli occhi del bambino, ma in generale nell’aria che si respira. Speranze che, nel bene o nel male, denotano con forza la voglia di andare avanti e migliorarsi. Io, oggi, a quest’ora, la penso così.

(Il micio viveva nella casa, le altre cose non me la sento di postarle. Non per altro, perché voglio custodire tutto nel cuore.)

Abbiamo poi fatto una visita al Monastero di Agapia, dove oltre alla chiesa ortodossa abbiamo potuto vedere le suore al lavoro col telaio produrre tappeti, oppure a maglia per sciarpe e altri capi di abbigliamento rigorosamente fatti a mano.

Mi hanno stupito i colori dei fiori, anche se c’era un’atmosfera più trafficata e meno… spirituale. Perlomeno per me.

Altra tappa splendida, dopo ore di pullman, sono le Gole di Bicaz che lasciano, sul serio, senza fiato. E qui vorrei lasciar parlare le immagini più che me.

Altra meta naturalistica di indiscusso interesse è di certo il Lago Rosso, noto anche come Lago Assassino. Si tratta di una diga naturale creatasi a seguito del crollo di una montagna su tre ruscelli. Anche in questo caso è stato possibile lasciarsi incantare dalla natura, ma soprattutto dagli incontri della fauna, non solo randagia, ovviamente!

Essendo stato un percorso piuttosto lungo e tortuoso, non ho risparmiato nemmeno qualche scatto lungo la strada, in movimento.

Ma il vero evento è avvenuto comunque in una fermata non prevista, a Pretatea Rejmer dove abbiamo potuto fotografare le famose cicogne. Qui in Romania la popolazione ci tiene particolarmente a questi uccelli migratori, che fanno i nidi persino nelle nicchie appositamente riservate a loro sui tralicci della luce.

Diciamo che è stata una giornata pesante, ma anche ricca di belle sensazioni. Ora siamo in viaggio nella Valacchia, diretti a Sinaia, località montana dove alloggeremo per due giorni. Ma rimanete sintonizzati, che domani si torna sulle orme di Dracula.

E per concludere, questa canzone oggi la dedico a voi. https://youtu.be/_7q0skpXPIs

Scritto da Frà il 24 agosto 2017, verso Sinaia alle ore 20;17

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 agosto 2017 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , ,

Cose mie #6

Ch… Ch… Ch… Change!

Sarà che la vita chiama nei momenti più impensati, forse anche la salute, la cui corda ho tirato troppo in questi ultimi tempi e ora devo riprendermela indietro. Sarà che io sono un lavoratore, prima di ogni cosa, e quando do una scadenza o una data per un lavoro, mi sbuccio le ginocchia, ma mantengo un impegno. Sarà che il pressapochismo fa star male le persone fragili e sì, anche io appartengo a quella schiera.
Però…
Però alla fine la vita ti richiama all’ordine un’altra volta ancora, e la salute è una cosa preziosa di cui dovrò necessariamente occuparmi, sarà che probabilmente la mia vita, da domani cambierà, per uno di quei tanti mattoncini, noti anche come passaggi, e sono qui a pensarci, e a parlarne con voi, di un altro aspetto del mio privato che domani si concretizza e che mi impegnerà per un po’. Sarà che poi, alla fine, scapperò per un po’a gestirmi la delusione per le scadenze promesse e non rispettate per conto mio  e forse chissà, dopo le cose importanti, dopo l’intervento chirurgico che avverrà tra qualche tempo, magari tornerò indietro a chiedervi come è stata la vita web in mia assenza, e magari riderò anche io di una vecchia delusione, di qualcosa che aspettavo e che mi era stata cadenzata e non concretizzata, e che non so più se e quando avverrà.
Ora, devo occuparmi di me. Della salute.
Di un bel salto grosso, che affronterò domani.
Domani che, nonostante la delusione, spero sia un giorno perfetto.

Il mio bellissimo giorno perfetto.

 
1 Commento

Pubblicato da su 28 novembre 2013 in Blog

 

Tag: , , , , , , , ,