RSS

Marilena Tealdi – Prima che sia buio[RECENSIONE]

06 Mag

Titolo: Prima che sia buio
Autore: Marilena Tealdi
Editore: Lettere Animate
Prezzo: 2,49 euro
Pagine: 545
ISBN: 978868822729

81lGXA+HNyL._SL1500_

Trama: Emma e Matt appartengono a due stili di vita completamente diversi: lui è un rampollo di una delle famiglie imprenditoriali più ricche di Torino, lei è un’insegnante che convive con la sorella gemella Rebecca. Eppure i due si incontrano ugualmente, lasciandosi travolgere da una girandola emotiva che nemmeno loro si sarebbero aspettati. Tra ripensamenti, compromessi e bugie, i due giovani vivranno una storia rocambolesca, solo per trovare la risposta a una semplice domanda: come può l’amore da solo mantenere in piedi una relazione tra due persone così diverse?

Contenuti: Andando oltre alla storia romantica che è il perno della trama, in cui ritroviamo pentimenti, tradimenti, litigi e voglia di amarsi nonostante tutto, il libro fa entrare il lettore, sebbene talvolta in modo superficiale, in tematiche toste: abbiamo a che fare col disagio familiare, la perdita dei genitori o il rifiuto degli stessi che fondandosi dall’adolescenza, in qualche modo si ripercuote nella vita adulta con delle scelte dettate dalla rivalsa, anche se a volte si dimostrano irreversibili. Ma all’interno della storia parliamo anche di vita sregolata e di dipendenza derivante dal possesso smodato di soldi accompagnato dalla ribellione a una famiglia che comunque trascura, un male purtroppo fortemente attuale. Per quanto poi la tematica della dipendenza da sostanze risenta di una ingenuità di fondo nel presentare le informazioni al lettore, a volte trascendendo nello stereotipo della tossicodipendenza piuttosto che affidarsi a un reale riscontro, dettaglio che purtroppo va comunque preso in considerazione durante la recensione. Infine il romanzo consente di affacciarsi anche nel mondo degli espedienti lavorativi e del mondo della mercificazione del corpo, relativamente ai club che offrono spettacoli di donne e ballerine in abiti succinti.
Bisogna comunque dare atto a una caratteristica importante di questo romanzo: si legge a fior di pagina l’entusiasmo e il grosso lavoro che ha guidato l’autrice nella costruzione della storia e nel portarla a termine, un lavoro di certo faticoso, ma sostenuto con impegno senza riserve, anche se, a essere cinici e insensibili, non si possono non mettere in rilievo le ingenuità sopra descritte.

Ambientazione e Personaggi: Trattandosi di una storia complessa, composta da diverse sfaccettature, anche i personaggi della storia sono diversi e, soprattutto, diversificati. Per quanto alcune scelte di Emma e Matt non sempre appaiano logiche, a volte risentendo di poca verosimiglianza con l’agire delle persone, di sicuro le loro figure emergono con estrema puntualità in tutte le pagine della storia, senza riserve di sorta. Accompagnano il lettore nei loro drammi, nelle loro scelte e nelle conseguenti azioni, proiettando un continuo confronto tra il sé raccontato e l’esterno che legge la storia, cercando di immedesimarsi. Attorno a loro è presente una fitta rete di relazioni amicali e sociali, che hanno la loro funzione precisa, per quanto alcune figure appaiano a volte troppo di nicchia, sullo sfondo, e sovente bidimensionali. È il caso di Rebecca o dei familiari di Matthew, che comunque per quanto siano importanti nelle vicende, a volte non acquisiscono sufficiente profondità per aiutare il lettore a comprenderli nell’intimo (e quindi le dinamiche che sottendono la loro azione). Forse con alcuni inserti ben assestati, si sarebbe potuto ovviare alla carenza sul loro vissuto e la loro emotività interiore. Nel caso di Rebecca, date alcune sue azioni, forse dettate dai suoi sentimenti di cui però c’è traccia discontinua durante la narrazione, forse era necessario investire maggiormente sulla sua emotività. In merito all’ambientazione, si è notato invece una certa dimestichezza nel saper raccontare i luoghi, sia interni che esterni, in modo a volte anche accattivante e coinvolgente.

Stile e forma: in merito alla forma, a parte qualche svista e qualche refuso in alcune parti, di certo sfuggite alla correzione, non ci sono rilievi da fare. I dialoghi hanno un buon ritmo, e si incastrano bene nella narrazione e nelle parti discorsive. Il materiale usato e proposto è davvero enorme nella trama, dove forse c’era bisogno di una limatura, soprattutto perché dando sin troppo sfogo alla tendenza a raccontare, si corre il rischio durante la lettura di perdersi in tutte le vicende non principali e, ai fini della storia, non sempre utili. Questa riflessione, unita anche al necessario approfondimento di alcune tematiche per non cadere nelle ingenuità indicate prima, evidenzia forse l’assenza di quella fase di editing dove si sarebbe dovuto aiutare l’autrice a indirizzare meglio la propria potenza narrativa e a incanalare la passione narrativa per valorizzare ancora di più la storia.

Giudizio finale e conclusioni: pur appartenendo a quel tipo di narrativa che a volte, e a torto, viene stigmatizzata come lettura disimpegnata, Prima che sia buio ha il merito di far emergere l’entusiasmo e il forte impegno dell’autrice nel raccontare le vicende di Matthew ed Emma, spingendo comunque il lettore a immedesimarsi nelle loro vicende. Abbiamo iniziato la recensione con una domanda: come può l’amore da solo mantenere in piedi una relazione tra due persone così diverse?
La risposta la scoprirete solo leggendo questo libro; una storia appassionata, dedicata a chi crede nei sentimenti, nonostante tutto.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 maggio 2015 in Recensioni

 

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: