RSS

Martin Milk – Enrico, una storia d’amore[SEGNALAZIONE]

E condivido con voi con piacere un’altra fatica di Martin Milk, in uscita venerdì!

enricostoriaamore_front_medium

Titolo: Enrico, una storia d’amore
Autore: Martin Milk
Genere: Erotico LGBT
Pagine: 164
Prezzo cartaceo: 12.00 euro
Prezzo ebook: 2,99
ISBN ebook: 978-88-99344-83-2
ISBN cartaceo: 978-1537307046

Uscita: 25 novembre 2016

Enrico, un cinquantenne di successo, ricco, affascinante e appagato, rimane folgorato da Manuel, il giovane compagno del suo amico Franco. L’ossessione che il ragazzo gli suscita, lo spinge a interrogarsi sulle sue preferenze, intraprendendo un percorso che sfugge alla razionalità, per mettersi alla prova e definire la natura di un sentimento tanto totalizzante. Dalle cabine per il cruising di Amsterdam alle visite ai Social per incontri tra uomini, fino ai marciapiedi romani battuti dalla prostituzione maschile, Enrico combatte una guerra contro se stesso alla ricerca di qualcuno che possa somigliare a Manuel, l’oggetto del suo desiderio, per capire e capirsi. Il cielo grigio di Roma e il sole di Kythira, nel Peloponneso, fanno da sfondo a un viaggio nella mente di Enrico e nel mondo delle perversioni gay laddove non esistono limiti invalicabili quando si ama.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 novembre 2016 in Blog, Letteratura

 

Tag: , , ,

Il Mondo dei Bambini Normali

A volte ho l’impressione che per quanti passi si possano fare avanti, altrettanti se ne facciano indietro. Sul mondo dei bambini non c’è nulla da dire, davvero. Il loro sogno, la loro crescita, tutto quanto va tutelato, educato, investito e reso possibile, perché è questo il dovere di noi adulti. Tutelare, per crescere bene, in modo armonico.
Siamo nel 2016, e ancora ci imbattiamo nell’eccesso di zelo su questo versante. Perché? Semplice, continuiamo a pensare che i bambini vadano protetti, che non debbano conoscere e, soprattutto, che non debbano essere curiosi.
Ma in realtà, spesso con questa cautela sono gli adulti a mascherare la propria inadeguatezza. Perché ancora oggi ci sono persone convinte che un minore non debba sapere che si ama, e che le forme dell’amore possono essere molteplici. Perché spostiamo il concetto dall’amore, il sentimento che, nel bene o nel male, fa girare la vita e il mondo stesso, a chi ama.
Ed è triste.
Non solo affermare che per tutelare un bambino che prima deve imparare cosa è normalità e solo quando cresce che ci sono diversità, ma  anche solo pensarlo.
Chi salvaguardiamo? Il bambino che scopre che esistono tanti modi di amarsi, e che vivrà la questione con un’alzata di spalle e al massimo come qualcosa di assodato che diventerà domani la base del rispetto per tutti, oppure vogliamo salvare noi stessi dal dover spiegare che certe cose accadono lo stesso anche se nascondiamo i minori in una campana di vetro, o dalla nostra vergogna repressa?
Vorrei tanto delle risposte, ma come sempre capita, risposte non ce ne sono mai.
So solo che amare è l’unico modo per tutelare se stessi e chi circonda. Che la natura delle persone non si cambia per educazione e che di sicuro non si impara ad amare il sesso opposto piuttosto che lo stesso sesso sulla base dell’età con cui ti confronti con la realtà. Ma è innato. Non ci si educa ad amare, a provare attrazione. Lo si fa e basta.
E il giorno in cui tutti noi adulti ce ne renderemo conto, sarà sempre troppo tardi. Perché lasciamo per l’ennesima volta in sospeso agli adulti di domani quello che potremmo fare noi adulti di oggi. E diventa la solita catena che imbriglia chi, domani, avrà bisogno di sentirsi dire che va bene lo stesso, chiunque sia la persona che ami.

catene-ego-500

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 novembre 2016 in Blog, Vita

 

Tag: , , , , , , , , ,

*Barbara*[PersonaggiInCercaDiEditore]

Nome: Barbara
La conosciamo in Sono solo parole
Età: 16
Capelli: Biondi
Occhi: Azzurri
Segno zodiacale: Pesci

Ci sono persone che ti obbligano a rimanere sempre all’erta, che ti insegnano il disincanto della cattiveria gratuita, pur di sentirsi parte del tuo mondo in qualche modo. A queste persone dobbiamo molto, perché ci aiutano a fare appello al nostro coraggio, a tutte le energie pur di imparare a difenderci. Barbara è una di queste persone. E chi ne ha incontrato una come lei, impiegherà tutta una vita di sicuro per dimenticarsene.

Canzone Preferita:

«Ecco dov’eravate finite!»
Mirna si scostò dalla compagna mentre quest’ultima alzò gli occhi al soffitto.
«Non abbiamo fatto in tempo a scappare!» La sua battuta sarcastica passò inosservata per la nuova arrivata.
«Di che parlavate? E non ditemi nulla come al solito, sembrava che steste cospirando!» insistette riservando a Mirna uno sguardo profondo.
«Pensavo solo di organizzare una serata per sole donne a casa di mia nonna, sabato.»
Barbara spalancò gli occhi.
«Ma è stupendo! Io vengo di sicuro!»
Erika si raggelò, non aveva preventivato che l’invito venisse esteso anche a Barbara che si gettò sopra Mirna per abbracciarla.
«Bene» disse Mirna mezzo soffocata da tanta esuberanza «vediamo cosa dice Alba, allora.»
Erika era perplessa, qualcosa di Barbara la disturbava. Fosse stato per lei, non l’avrebbe coinvolta, ma tenne per sé tali riserve. Sentiva solo di dover stare in allerta.

Dal capitolo 4 – Programma di protezione amiche

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 novembre 2016 in Blog

 

Tag: ,

La mia biblioteca in pillole – altre letture (31)

Ed ecco a voi un’altra carrellata di letture che ho fatto in questi mesi, parlo di libri che in qualche modo mi sono rimasti impressi e di cui, per svariati motivi, consiglio la lettura.

Titolo: Vorrei averti Adesso
Autore: Amneris di Cesare
Editore: Autopubblicato
Pagine: 59
vorrei-averti-adesso
Un libro breve che si legge con la stessa velocità di un bicchiere d’acqua. Un libro il cui neologismo “GabrieleEleonora” ti penetra dentro, e più che un binomio sembra raccontarti una storia unica, di due amici che si innamorano e che alla fine la vita separa e rischia di far rincontrare, lasciando in sospeso le emozioni più sottili che respirano e prendono vita nella mente del lettore. Ne consiglio la lettura principalmente perché è davvero una bella storia e soprattutto ben scritta, da una scrittrice che ha tanto da raccontare e da emozionare. L’unica pecca? Finisce subito, come dicevo all’inizio: il tempo di un bicchiere d’acqua fresca, che diventa più dissetante per l’anima.

Titolo: La buona legge di Mariasole
Autore: L.R. Carrino
Editore: E/O
Pagine: 212
cover_9788866326069_476_600
Chi si aspetta di leggere un seguito di “Acquastorta” rimarrà deluso. Così come rimarrà deluso chi crede che, proseguendo la storia della famiglia dei suoi protagonista, si perderà comunque qualcosa rispetto al primo libro. Mariasole è una donna forte che ha perso l’uomo che amava e che in suo nome si ritrova suo malgrado a gestire un mondo che non la vorrebbe a capo. Ma lei dimostrerà a tutti che non solo possiede delle risorse inaspettate, ma sarà capace di ottenere la sua vendetta. Un libro che parla di un mondo a parte, con le sue regole precise ed efferate, una realtà che si presenta davanti al lettore in modo spietato e sincero, che racconta un dolore, quello della morte di chi si ama, nonostante tutto, che non si cancella mai. Un’altra bella prova dell’autore da non perdere per nulla al mondo.

Titolo: Contrabbandieri d’amore
Autore:
Laura Costantini e Loredana Falcone
Editore:
Harper Collins Italia
Pagine:
467
contrabbandieri-d-amore-elit1_hm_cover_big
Un libro di più di 400 pagine può a volte intimorire il lettore. A meno che le due autrici non siano capaci di trascinare i lettori per i capelli, senza permettergli di staccarsi dalla lettura. E’ questo l’effetto che fa l’ennesima fatica di queste due autrici delle quali vi ho già parlato in passato, un effetto che ormai io battezzerei come la Sindrome di LauraELory: incollarsi al lettore e non mollarlo se non a storia finita. Questa volta ci addentriamo negli anni venti del secolo scorso per parlare di migranti: Italiani che cercano una vita migliore in “America”. E con il loro solito modo le due autrici ci raccontano amore e storia, suspense e dolore, senso di rivalsa e rinascita. Una lettura davvero bella che consiglio caldamente.

Titolo:
L’urlo della folla
Autore:
Dawn Blackridge
Editore:
Autopubblicato
Pagine:
88
lurlo-della-folla-di-dawn-blackridge-e1447244150254Vinto in un giveaway (perché qualche volta vinco anche io, eh) quello che più mi ha colpito di questo libro è la delicatezza con cui viene affrontata la crisi di coppia, ma soprattutto il terrore di vivere di nascosto la propria natura. Al di là delle vicissitudini personali e del marketing, in una band molto famosa c’è un amore travagliato, che ha bisogno di esprimersi per non perdersi. E c’è poi l’omofobia, la reazione, il volersi sentire adeguati rispetto alla società, senza rinunciare a quel che si è. Tutti messaggi importanti, che l’autrice ci propone in modo spietato, ma comunque delicato, senza caricare troppo. Lo consiglio perché, nonostante ci sia qualche aspetto da rivedere rispetto alla forma (ma nulla di esageratamente grave) questo libro è un libro che insegna il coraggio e il desiderio di essere senza sconti. Principi che a volte diamo per scontati ma che, soprattutto di questi tempi, non lo sono mai.

 
2 commenti

Pubblicato da su 17 ottobre 2016 in Letteratura, Recensioni

 

Tag: , , , ,

*Simone*[PersonaggiInCercaDiEditore]

Nome: Simone
Lo conosciamo in Sono solo parole
Età: 16
Capelli: Neri
Occhi: Scuri
Segno zodiacale: Sagittario

Per Simone la vita è una vera scoperta. Svogliato, con desiderio di fare esperienze e vivere in modo intenso tutto quel che gli accade, un giorno troverà l’amore tra gli occhi verdi di una ragazza che lo lascerà senza fiato.
Ma solo il tempo sarà in grado di insegnargli che le cose belle richiedono anche tanta fatica per potersi realizzare. Sudore, impegno, desiderio di non demordere e, soprattutto, attese.

Canzone Preferita:
https://www.youtube.com/watch?v=KIlvHpt4MnQ

Non fece caso al motorino che le passò accanto per poi arrestarsi alla sua sinistra, né agli sguardi concitati che le lanciava con insistenza il ragazzo che lo montava da quando si era tolto il casco.
Continuò a dibattersi tra il dover entrare e l’impulso di fuggire via, fino a che il giovane non le posò una mano sulla spalla, facendola trasalire.
«Ehi!»
Erika squadrò Simone con odio, come se lui avesse ficcato il naso nei suoi pensieri nascosti, interrompendone il flusso, ma poi le rivolse un sorriso che riuscì a calmarla.
Simone aveva le spalle larghe, un fisico che prometteva di svilupparsi parecchio in futuro, occhi nocciola intensi e la mascella squadrata.
“Peccato per quei denti storti” pensò Erika, per poi riconoscere che le fossette, quando rideva, lo facevano sembrare tenero.
“Togliti dalla testa qualsiasi cosa! Non sei in cerca di maschi!”
La vocina, spuntata chissà come dai recessi della sua testa, divenne il suo mantra.

Dal Capitolo 2 – Approcci maldestri

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 settembre 2016 in Blog, Letteratura

 

Tag: , ,

I libri di Amarganta #8[SEGNALAZIONE]

Ed ecco le ultime uscite di marchio Amarganta!

Luisa D. – Mi Piaci!
mi-piaci-di-luisa-d
Francesco è bello, ricco, sexy. Mi piaci! dice a Lucrezia su due piedi quando la scorge indaffarata nella sala d’aspetto dello studio legale in cui lei lavora. Lucrezia, da allora, resta stregata dal suo sguardo azzurro e dal suo sorriso, ma Francesco non è solo accusato di detenzione di un grosso quantitativo di droga. Francesco è anche al centro dell’ossessione di Carla, una ex dalla quale, per qualche oscuro motivo, non riesce a liberarsi. Per Lucrezia inizia una girandola di alti e bassi, la sensualità di Francesco pare trascinarla di estasi in estasi mentre i misteri sul passato di lui la precipitano in pozzi di disperazione senza fondo. Francesco non può amarla, eppure sembra non poter fare a meno di lei provocandole una profonda sofferenza. Ma forse, è proprio Francesco a essere vittima di un sortilegio che potrebbe non lasciargli alcuna scelta se non affrontare i propri fantasmi se davvero vuole conoscere l’amore.
Una lettura leggera e dinamica.

Francesco Rinaldi – Li lalianti
teaserbox_2466153406
Un piccolo borgo tra gli odierni quartieri di Madonna del Cuore e Quattro Strade negli anni trenta si animò intorno a una storica officina reatina dedicata alle lavorazioni aeronautiche: l’ORLA. Le vicende di una famiglia di maniscalchi e ciabattini abitanti del luogo vengono narrate attraverso due quadri distinti: l’occupazione tedesca dell’ORLA nel 1944 e l’attività dell’aereoporto Ciuffelli nel 1958. Oltre al testo della commedia e le note di messa in scena dell’autore-regista, nel libro sono presenti interventi di Roberto Lorenzetti, della Contessa Maria Fede Caproni di Taliedo, di Mario e Mirella Grillo. Il testo contiene una ricca appendice fotografica.

Leyla Hi – Aiko. Hentai Babe Volume 1
teaserbox_2466337910
Aiko Akazumi è una studentessa prossima all’esame di stato. Il suo obiettivo è diplomarsi con il massimo dei voti. Ultimamente però incontra serie difficoltà di rendimento; i risultati delle prove orali le abbassano la media e le impedirebbero di entrare nell’ambitissima facoltà di medicina e chirurgia del professor Surikami. Si rivolge così al suo tutor, il professor Agashi, affinché l’aiuti a migliorare. Agashi-sensei  l’accontenterà sottoponendola a un esame particolare. Ne testerà la sensibilità verso le materie più importanti, ne valuterà il talento e la inciterà a sviluppare le qualità più evidenti e a trarre maggior profitto da quelle pratiche in cui maggiormente riesce a eccellere senza particolare sforzo: lingua ed esposizione orale.  Sarà l’inizio di una escalation che porterà la bella studentessa giapponese, sensuale e ambiziosa,  a vivere avventure piene di intensa carnalità e suggestione.

Giovanni Naso – I capi opposti del mondo
3d-book-smart-object_dacapioppostidelmondo_small

I nostri figli provengono da capi opposti del mondo. Omar ci è stato donato dai vulcani di El Salvador e Marina dai ghiacci della Russia.
Due viaggi in Paesi diversi e in momenti cruciali della loro storia. El Salvador alla fine di una lunga e sanguinosa guerra civile. La Russia, nel periodo del massimo degrado segnato dalla presidenza di Eltsin. Giovanni Naso, a distanza di anni, mette a fuoco i momenti più significativi di un percorso portato avanti con sua moglie, Agnese, alla ricerca delle tessere del puzzle destinate a diventare la sua famiglia. Perché né la guerra, né il degrado, né la malattia né le voragini scavate dalla vita nell’animo di un bambino, possono ostacolare le esigenze del cuore e frenare il bisogno di amare.

Francesco Pomponio – Grazie di te
diapositiva1-11Zeb, un maturo autotrasportatore, si innamora di Anna, una bella cameriera straniera impiegata in uno dei tanti alberghi in cui sosta abitualmente. Arguto e riflessivo, impetuoso e razionale, profondo conoscitore dell’animo umano, per Anna, Zeb abbandona le certezze cementate da un’infanzia povera e da un ambiente primitivo e violento. Anna, solo lei, grazie alla straordinaria empatia che si sviluppa tra i due, riesce a condurlo fuori dai limiti di se stesso, dalle luci e dalle ombre della sua vita, trascinandolo per contro nei vortici della propria esistenza. Il ritmo cadenzato della storia che si accende lenta come i motori diesel che Zeb domina con mano ferma, si impenna all’improvviso, trasportando il lettore ai confini di una vicenda che alterna momenti drammatici a profondo lirismo fino a trasformarsi in un’avventura on the road a tinte gialle, soffusa nel mistero della natura che sospira ai confini della narrazione. Tra tramonti e distese gelate, tra battute al vetriolo e momenti di forte tensione, Grazie di te è arricchito da una miriade di personaggi secondari, semplici e complessi al tempo stesso, che insieme a Zeb e Anna, contribuiscono a tratteggiare l’affresco di una storia d’amore intensa e delicata.

Barbara Vesco – Telefonami fra vent’anni
14390979_550657548467556_741930472971743300_n

Agli inizi degli anni ’90, Alice appena quindicenne incontra Andrea, più grande di lei. Scatta un colpo di fulmine reciproco che scuote la vita di entrambi. Quella di Alice, all’interno di una famiglia tradizionale, quella di Andrea, in un contesto maggiormente complicato. Il rispetto e l’amore inducono Andrea a rapportarsi con Alice con estrema dolcezza, ma presto il sentimento totalizzante si inclina a causa di un segreto troppo difficile da condividere con una ragazzina. Così Andrea si rende conto che quello non è il loro tempo. Una narrazione fluida immerge i protagonisti nel vortice  della passione rendendoli verosimili nei quadretti che proiettano la loro esistenza in un contesto contemporaneo. La posta in gioco è la possibilità di essere felici e dopo vent’anni, potrebbe persino accadere grazie alla volontà reciproca di superare gli ostacoli e alla certezza di poter finalmente dominare il destino.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 settembre 2016 in Blog

 

Tag: , ,

I libri di Amarganta #7[SEGNALAZIONE]

E ancora, un’altra carrellata delle uscite Amarganta per il 2016!

Isabella Giomi – Quando ingrassare è il male minore

ingrassaremaleminore_front_small

Secondo posto della XXXIX edizione del Premio Letterario Casentino sezione Saggi:
Un libro rivolto alle donne, in particolare alle over cinquanta, è questo pamphlet cinico-ironico di Isabella Giomi, inteso a fortificare la fiducia nel mondo femminile non più sbarazzino, risoluto nell’esortare le donne a piacersi prima che a piacere e a smetterla di paragonarsi alle silfidi somministrate per mode esorbitanti dai mass-media contemporanei. Un po’ di scienza, un po’ di sociologia, un po’ di buon senso muliebre condito da vivace sarcasmo, sono gli ingredienti di questo testo eclettico e stravagante.

SG Horizon e Crys Louca. Jenna – Al servizio del soprannaturale Episodio 4
jenna-di-sg-horizons-e-crys-louca-serie-al-servizio-del-soprannaturale-episodio-iv
Nonostante le continue scoperte e i numerosi timori, Jenna inizia ad abituarsi alle stranezze del Manor Hotel e persino all’abbigliamento imposto da Lord Hamilton. Jackson continua a desiderarla, facendole conoscere il piacere come nessun umano ha mai provato prima, sebbene sia difficile stabilire che tipo di relazione sia nata tra di loro. Quando i ritmi della nuova vita di Jenna sembrano ormai consolidati, qualcosa sconvolge la routine dell’albergo e Jenna dovrà ricorrere al suo sangue freddo alla sua intelligenza per gestire la situazione con l’aiuto del più improbabile dei cavalier serventi, un non morto di nome Sims.

«Grazie per avermi aiutato. Uh… stai bene? Non perché… sì… c’è una forchetta… proprio lì» dissi puntando un dito sulla sua tempia sinistra.

Alessandro Fieschi – Oliver Lifeless
cover
Oliver Lifeless ha tredici anni ed è stanco di seguire suo padre, famoso documentarista, in giro per gli Stati  Uniti. Quando con lui si trasferisce a Jackson, nel Wyoming, non immagina lontanamente di poter trovare l’amicizia e l’avventura. Jack, Jacob, Timothy, Emily e Rebecca lo coinvolgeranno in una storia al limite tra la realtà e l‘immaginazione. In sella alle bici o tra i boschi del  Parco Nazionale di Yellowstone, sotto lo sguardo indagatore dello sceriffo Morris o tra le grinfie del professor Connor, i ragazzi sfideranno antiche profezie e pericoli mortali legati all’antica origine   del cognome di Oliver, portatore di un destino unico e tutto da scoprire.

Sara Pellizzari Rabolini – Per un’estate
teaserbox_2465447128
Teodora, per tutti Teo, ha da poco passato l’esame di maturità, quando parte da Caldè, il paese sul lago Maggiore dove vive, per una vacanza in Sardegna con Maria e Linda, sue grandi amiche. In campeggio incontrano Luca e Guido, due ragazzi più grandi, di Milano. Teo s’innamora perdutamente di Guido e lui la ricambia. I due si amano e, di ritorno dalla Sardegna, Teo lascia Fabio, il fidanzato storico che la aspettava a casa. Inizia così un’intensa storia d’amore, fatta di viaggi e di avventura, di musica e di poesia, finché Guido decide di farsi condurre dal suo spirito libero e di partire per Londra. Una separazione dolorosa, che spinge Teo a porsi continue domande sulla propria identità, su Guido e sulla natura del vero amore. È giusto abbandonarsi ai sentimenti? Bisogna sempre perdersi per ritrovarsi?   Come Ulisse, anche Guido tornerà a Itaca dopo qualche anno? In caso, troverà Penelope-Teodora ad aspettarlo?  Attraverso la pittura e la mitologia, Teo affronterà un viaggio più importante, quello che la porterà ad analizzare i suoi sentimenti più profondi e a capire la sua anima più vera.

Daniela Vasarri – Nessun Rimpianto
51ybnmqa-el
Arrivata alla soglia dei 50 anni, Elisabetta, madre, moglie e professionista formalmente appagata, non rinuncia a mettersi in gioco a dispetto delle convenienze e del quieto vivere. Decide quindi di concedersi una vacanza tra la Toscana e l’Umbria, alla ricerca di se stessa e di cosa desidera per il proprio futuro. Le stagioni dell’amore, tuttavia, sono sempre altalenanti e accompagnano i desideri che non svaniscono con l’età. Elisabetta si riapproprierà a sue spese della capacità di amare e lo farà senza nessun rimpianto. Un ritratto di donna forte e variegato che conferma la capacità dell’autrice di investigare e analizzare con garbo e padronanza, le mille sfaccettature dell’animo femminile.

SG Horizon e Crys Louca – Jenna. Al servizio del soprannaturale Episodio 5
51isrma9udl-_ou29__bg0000_fmpng_ac_ul320_sr218320_
Fondamentale per respingere l’attacco sferrato contro il Manor Hotel, Jenna riacquisisce il potere telepatico, riuscendo a gestirlo e ad apprezzarne le potenzialità. Lord Hamilton le rivela finalmente perché l’ha voluta nella sua squadra e l’importanza del suo ruolo per il mantenimento della pace al Manor. La relazione con Jackson sembra andare a gonfie vele, ma Jenna scopre il segreto che lo tormenta durante una magnifica festa da ballo. Le conseguenze le dischiuderanno inimmaginabili scenari sentimentali.

Nessuno verrà a salvarti. Né il licantropo né la succube.
Nessuno! Sei insignificante, piccola Jenna.

Buona lettura!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 settembre 2016 in Letteratura

 

Tag: , ,