RSS

*Simone*[PersonaggiInCercaDiEditore]

Nome: Simone
Lo conosciamo in Sono solo parole
Età: 16
Capelli: Neri
Occhi: Scuri
Segno zodiacale: Sagittario

Per Simone la vita è una vera scoperta. Svogliato, con desiderio di fare esperienze e vivere in modo intenso tutto quel che gli accade, un giorno troverà l’amore tra gli occhi verdi di una ragazza che lo lascerà senza fiato.
Ma solo il tempo sarà in grado di insegnargli che le cose belle richiedono anche tanta fatica per potersi realizzare. Sudore, impegno, desiderio di non demordere e, soprattutto, attese.

Canzone Preferita:
https://www.youtube.com/watch?v=KIlvHpt4MnQ

Non fece caso al motorino che le passò accanto per poi arrestarsi alla sua sinistra, né agli sguardi concitati che le lanciava con insistenza il ragazzo che lo montava da quando si era tolto il casco.
Continuò a dibattersi tra il dover entrare e l’impulso di fuggire via, fino a che il giovane non le posò una mano sulla spalla, facendola trasalire.
«Ehi!»
Erika squadrò Simone con odio, come se lui avesse ficcato il naso nei suoi pensieri nascosti, interrompendone il flusso, ma poi le rivolse un sorriso che riuscì a calmarla.
Simone aveva le spalle larghe, un fisico che prometteva di svilupparsi parecchio in futuro, occhi nocciola intensi e la mascella squadrata.
“Peccato per quei denti storti” pensò Erika, per poi riconoscere che le fossette, quando rideva, lo facevano sembrare tenero.
“Togliti dalla testa qualsiasi cosa! Non sei in cerca di maschi!”
La vocina, spuntata chissà come dai recessi della sua testa, divenne il suo mantra.

Dal Capitolo 2 – Approcci maldestri

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 settembre 2016 in Blog, Letteratura

 

Tag: , ,

I libri di Amarganta #8[SEGNALAZIONE]

Ed ecco le ultime uscite di marchio Amarganta!

Luisa D. – Mi Piaci!
mi-piaci-di-luisa-d
Francesco è bello, ricco, sexy. Mi piaci! dice a Lucrezia su due piedi quando la scorge indaffarata nella sala d’aspetto dello studio legale in cui lei lavora. Lucrezia, da allora, resta stregata dal suo sguardo azzurro e dal suo sorriso, ma Francesco non è solo accusato di detenzione di un grosso quantitativo di droga. Francesco è anche al centro dell’ossessione di Carla, una ex dalla quale, per qualche oscuro motivo, non riesce a liberarsi. Per Lucrezia inizia una girandola di alti e bassi, la sensualità di Francesco pare trascinarla di estasi in estasi mentre i misteri sul passato di lui la precipitano in pozzi di disperazione senza fondo. Francesco non può amarla, eppure sembra non poter fare a meno di lei provocandole una profonda sofferenza. Ma forse, è proprio Francesco a essere vittima di un sortilegio che potrebbe non lasciargli alcuna scelta se non affrontare i propri fantasmi se davvero vuole conoscere l’amore.
Una lettura leggera e dinamica.

Francesco Rinaldi – Li lalianti
teaserbox_2466153406
Un piccolo borgo tra gli odierni quartieri di Madonna del Cuore e Quattro Strade negli anni trenta si animò intorno a una storica officina reatina dedicata alle lavorazioni aeronautiche: l’ORLA. Le vicende di una famiglia di maniscalchi e ciabattini abitanti del luogo vengono narrate attraverso due quadri distinti: l’occupazione tedesca dell’ORLA nel 1944 e l’attività dell’aereoporto Ciuffelli nel 1958. Oltre al testo della commedia e le note di messa in scena dell’autore-regista, nel libro sono presenti interventi di Roberto Lorenzetti, della Contessa Maria Fede Caproni di Taliedo, di Mario e Mirella Grillo. Il testo contiene una ricca appendice fotografica.

Leyla Hi – Aiko. Hentai Babe Volume 1
teaserbox_2466337910
Aiko Akazumi è una studentessa prossima all’esame di stato. Il suo obiettivo è diplomarsi con il massimo dei voti. Ultimamente però incontra serie difficoltà di rendimento; i risultati delle prove orali le abbassano la media e le impedirebbero di entrare nell’ambitissima facoltà di medicina e chirurgia del professor Surikami. Si rivolge così al suo tutor, il professor Agashi, affinché l’aiuti a migliorare. Agashi-sensei  l’accontenterà sottoponendola a un esame particolare. Ne testerà la sensibilità verso le materie più importanti, ne valuterà il talento e la inciterà a sviluppare le qualità più evidenti e a trarre maggior profitto da quelle pratiche in cui maggiormente riesce a eccellere senza particolare sforzo: lingua ed esposizione orale.  Sarà l’inizio di una escalation che porterà la bella studentessa giapponese, sensuale e ambiziosa,  a vivere avventure piene di intensa carnalità e suggestione.

Giovanni Naso – I capi opposti del mondo
3d-book-smart-object_dacapioppostidelmondo_small

I nostri figli provengono da capi opposti del mondo. Omar ci è stato donato dai vulcani di El Salvador e Marina dai ghiacci della Russia.
Due viaggi in Paesi diversi e in momenti cruciali della loro storia. El Salvador alla fine di una lunga e sanguinosa guerra civile. La Russia, nel periodo del massimo degrado segnato dalla presidenza di Eltsin. Giovanni Naso, a distanza di anni, mette a fuoco i momenti più significativi di un percorso portato avanti con sua moglie, Agnese, alla ricerca delle tessere del puzzle destinate a diventare la sua famiglia. Perché né la guerra, né il degrado, né la malattia né le voragini scavate dalla vita nell’animo di un bambino, possono ostacolare le esigenze del cuore e frenare il bisogno di amare.

Francesco Pomponio – Grazie di te
diapositiva1-11Zeb, un maturo autotrasportatore, si innamora di Anna, una bella cameriera straniera impiegata in uno dei tanti alberghi in cui sosta abitualmente. Arguto e riflessivo, impetuoso e razionale, profondo conoscitore dell’animo umano, per Anna, Zeb abbandona le certezze cementate da un’infanzia povera e da un ambiente primitivo e violento. Anna, solo lei, grazie alla straordinaria empatia che si sviluppa tra i due, riesce a condurlo fuori dai limiti di se stesso, dalle luci e dalle ombre della sua vita, trascinandolo per contro nei vortici della propria esistenza. Il ritmo cadenzato della storia che si accende lenta come i motori diesel che Zeb domina con mano ferma, si impenna all’improvviso, trasportando il lettore ai confini di una vicenda che alterna momenti drammatici a profondo lirismo fino a trasformarsi in un’avventura on the road a tinte gialle, soffusa nel mistero della natura che sospira ai confini della narrazione. Tra tramonti e distese gelate, tra battute al vetriolo e momenti di forte tensione, Grazie di te è arricchito da una miriade di personaggi secondari, semplici e complessi al tempo stesso, che insieme a Zeb e Anna, contribuiscono a tratteggiare l’affresco di una storia d’amore intensa e delicata.

Barbara Vesco – Telefonami fra vent’anni
14390979_550657548467556_741930472971743300_n

Agli inizi degli anni ’90, Alice appena quindicenne incontra Andrea, più grande di lei. Scatta un colpo di fulmine reciproco che scuote la vita di entrambi. Quella di Alice, all’interno di una famiglia tradizionale, quella di Andrea, in un contesto maggiormente complicato. Il rispetto e l’amore inducono Andrea a rapportarsi con Alice con estrema dolcezza, ma presto il sentimento totalizzante si inclina a causa di un segreto troppo difficile da condividere con una ragazzina. Così Andrea si rende conto che quello non è il loro tempo. Una narrazione fluida immerge i protagonisti nel vortice  della passione rendendoli verosimili nei quadretti che proiettano la loro esistenza in un contesto contemporaneo. La posta in gioco è la possibilità di essere felici e dopo vent’anni, potrebbe persino accadere grazie alla volontà reciproca di superare gli ostacoli e alla certezza di poter finalmente dominare il destino.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 settembre 2016 in Blog

 

Tag: , ,

I libri di Amarganta #7[SEGNALAZIONE]

E ancora, un’altra carrellata delle uscite Amarganta per il 2016!

Isabella Giomi – Quando ingrassare è il male minore

ingrassaremaleminore_front_small

Secondo posto della XXXIX edizione del Premio Letterario Casentino sezione Saggi:
Un libro rivolto alle donne, in particolare alle over cinquanta, è questo pamphlet cinico-ironico di Isabella Giomi, inteso a fortificare la fiducia nel mondo femminile non più sbarazzino, risoluto nell’esortare le donne a piacersi prima che a piacere e a smetterla di paragonarsi alle silfidi somministrate per mode esorbitanti dai mass-media contemporanei. Un po’ di scienza, un po’ di sociologia, un po’ di buon senso muliebre condito da vivace sarcasmo, sono gli ingredienti di questo testo eclettico e stravagante.

SG Horizon e Crys Louca. Jenna – Al servizio del soprannaturale Episodio 4
jenna-di-sg-horizons-e-crys-louca-serie-al-servizio-del-soprannaturale-episodio-iv
Nonostante le continue scoperte e i numerosi timori, Jenna inizia ad abituarsi alle stranezze del Manor Hotel e persino all’abbigliamento imposto da Lord Hamilton. Jackson continua a desiderarla, facendole conoscere il piacere come nessun umano ha mai provato prima, sebbene sia difficile stabilire che tipo di relazione sia nata tra di loro. Quando i ritmi della nuova vita di Jenna sembrano ormai consolidati, qualcosa sconvolge la routine dell’albergo e Jenna dovrà ricorrere al suo sangue freddo alla sua intelligenza per gestire la situazione con l’aiuto del più improbabile dei cavalier serventi, un non morto di nome Sims.

«Grazie per avermi aiutato. Uh… stai bene? Non perché… sì… c’è una forchetta… proprio lì» dissi puntando un dito sulla sua tempia sinistra.

Alessandro Fieschi – Oliver Lifeless
cover
Oliver Lifeless ha tredici anni ed è stanco di seguire suo padre, famoso documentarista, in giro per gli Stati  Uniti. Quando con lui si trasferisce a Jackson, nel Wyoming, non immagina lontanamente di poter trovare l’amicizia e l’avventura. Jack, Jacob, Timothy, Emily e Rebecca lo coinvolgeranno in una storia al limite tra la realtà e l‘immaginazione. In sella alle bici o tra i boschi del  Parco Nazionale di Yellowstone, sotto lo sguardo indagatore dello sceriffo Morris o tra le grinfie del professor Connor, i ragazzi sfideranno antiche profezie e pericoli mortali legati all’antica origine   del cognome di Oliver, portatore di un destino unico e tutto da scoprire.

Sara Pellizzari Rabolini – Per un’estate
teaserbox_2465447128
Teodora, per tutti Teo, ha da poco passato l’esame di maturità, quando parte da Caldè, il paese sul lago Maggiore dove vive, per una vacanza in Sardegna con Maria e Linda, sue grandi amiche. In campeggio incontrano Luca e Guido, due ragazzi più grandi, di Milano. Teo s’innamora perdutamente di Guido e lui la ricambia. I due si amano e, di ritorno dalla Sardegna, Teo lascia Fabio, il fidanzato storico che la aspettava a casa. Inizia così un’intensa storia d’amore, fatta di viaggi e di avventura, di musica e di poesia, finché Guido decide di farsi condurre dal suo spirito libero e di partire per Londra. Una separazione dolorosa, che spinge Teo a porsi continue domande sulla propria identità, su Guido e sulla natura del vero amore. È giusto abbandonarsi ai sentimenti? Bisogna sempre perdersi per ritrovarsi?   Come Ulisse, anche Guido tornerà a Itaca dopo qualche anno? In caso, troverà Penelope-Teodora ad aspettarlo?  Attraverso la pittura e la mitologia, Teo affronterà un viaggio più importante, quello che la porterà ad analizzare i suoi sentimenti più profondi e a capire la sua anima più vera.

Daniela Vasarri – Nessun Rimpianto
51ybnmqa-el
Arrivata alla soglia dei 50 anni, Elisabetta, madre, moglie e professionista formalmente appagata, non rinuncia a mettersi in gioco a dispetto delle convenienze e del quieto vivere. Decide quindi di concedersi una vacanza tra la Toscana e l’Umbria, alla ricerca di se stessa e di cosa desidera per il proprio futuro. Le stagioni dell’amore, tuttavia, sono sempre altalenanti e accompagnano i desideri che non svaniscono con l’età. Elisabetta si riapproprierà a sue spese della capacità di amare e lo farà senza nessun rimpianto. Un ritratto di donna forte e variegato che conferma la capacità dell’autrice di investigare e analizzare con garbo e padronanza, le mille sfaccettature dell’animo femminile.

SG Horizon e Crys Louca – Jenna. Al servizio del soprannaturale Episodio 5
51isrma9udl-_ou29__bg0000_fmpng_ac_ul320_sr218320_
Fondamentale per respingere l’attacco sferrato contro il Manor Hotel, Jenna riacquisisce il potere telepatico, riuscendo a gestirlo e ad apprezzarne le potenzialità. Lord Hamilton le rivela finalmente perché l’ha voluta nella sua squadra e l’importanza del suo ruolo per il mantenimento della pace al Manor. La relazione con Jackson sembra andare a gonfie vele, ma Jenna scopre il segreto che lo tormenta durante una magnifica festa da ballo. Le conseguenze le dischiuderanno inimmaginabili scenari sentimentali.

Nessuno verrà a salvarti. Né il licantropo né la succube.
Nessuno! Sei insignificante, piccola Jenna.

Buona lettura!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 settembre 2016 in Letteratura

 

Tag: , ,

I libri di Amarganta #6[SEGNALAZIONE]

Ed eccomi qua, in grave ritardo, con un’altra carrellata di uscite nell’anno 2016 targate Amarganta!

SG Horizon e Crys Louca: Jenna – Al Servizio del soprannaturale. Episodio 2:

f53fhoaIl primo giorno di lavoro di Jenna al Manor hotel è tutt’altro che tranquillo. Victoria le svela i segreti dell’albergo e le caratteristiche di alcuni ospiti mentre Jenna combatte costantemente tra il desiderio di scappare e la necessità di rimanere per evitare il manicomio a cui l’hanno condannata i suoi genitori. Tra i rimpianti per la sua vita trascorsa e le rapide escursioni nei siparietti piccanti che si concede Victoria, Jenna cerca le risposte alle tante domande che si affollano nella sua mente. Intanto Jackson, il bellissimo licantropo capo della sicurezza, le fa una corte spietata.

Mariastella Viscontesi – La dipendenza. L’unguento volume 2
41-wjicxodlDopo averne goduto a sufficienza, monsignor Vigenti aveva liquidato Renata in fretta. Quando la ragazza aveva messo piede nel corridoio, suor Angela si era materializzata a suo fianco… Renata scoprirà presto che liberarsi dagli effetti dell’unguento non è facile. L’abilità e l’esperienza di Suor Angela non basteranno a soffocare il desiderio di tornare argilla tra mani compiacenti e solo la sua nuova compagna di stanza, Alessia, le saprà spiegare il perché.

Lucia Guida – Romanzo Popolare
teaserbox_2461630625
Destini incrociati di donne che vivono in una Pescara variegata. Donne che rinunciano ai propri sentimenti per il bene della famiglia. Donne capaci di inedita determinazione per offrire una possibilità agli affetti più cari. Donne che immolano se stesse per superare l’indifferenza di un amore incondizionato. Esistenze mortificate eppure sublimate da un indomito spirito di sacrificio. Ricorsi che illuminano di una luce nuova fatali coincidenze. Tratti comuni che emergono a dispetto di conoscenze reali. Motivi che si fondono, saldati assieme dall’esistenza disperata di Matteo, bello e perverso, malato dentro perché la mela non cade mai lontana dall’albero suo.

Francesco Rinaldi – Quanno sfamessimo lu munnu
teaserbox_2463102099

A cento anni dalla nascita di Nazareno Strampelli  un gruppo di braccianti e contadini che  hanno prestato la loro opera al servizio del grande genetista insieme ad altri che continuano a lavorare  presso i campi sperimentali della Piana reatina e di Campomoro, si ritrovano per festeggiare l’importante ricorrenza. Una cerimonia al teatro Flavio Vespasiano ha già visto la partecipazione delle autorità cittadine ma, i nostri amici, sentono il dovere  di celebrare, non soltanto  lo scienziato e il personaggio,  ma soprattutto  l’uomo amabile e cortese  che ha saputo fare del bene a Rieti, all’Italia e ad intere popolazioni nei paesi del mondo.
Oltre al testo originale della commedia la pubblicazione contiene un’intervista al regista sulla messa in scena, una prefazione di Roberto Lorenzetti e un opuscolo illustrato sull’attività di Nazareno Strampelli.

SG Horizons e Crys Louca – Jenna. Al servizio del soprannaturale Episodio 3
41slc2nhdll-_ou29__bg0000_fmpng_ac_ul320_sr218320_
Jenna ha preso servizio da poco al Manor Hotel ed è ancora atterrita e stupita dal mondo fantastico che le si schiude attorno. Oltre a Victoria, tuttavia, anche Jackson, il bellissimo licantropo capo della security, inizia a prendersi cura di lei. Mentre Jenna scopre aspetti sempre nuovi e inquietanti dell’albergo, la sua capacità di sentire i pensieri pare svanita per sempre

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 settembre 2016 in Letteratura

 

Tag: , ,

La mia biblioteca in Pillole – letture estive (30)

C’è chi dice che l’estate sia il tempo della lettura, la mia purtroppo è andata a rilento, ma nonostante questo voglio condividere con voi le ultime letture che ho fatto in questo periodo.

Titolo: Noctua
Autore: Cristina Lattaro
Editore: Bookeco Media
Pagine: 224
noctuaFront_medium

Noctua è un horror non convenzionale, che mescola al suo interno elementi psicologici, predestinazione e soprannaturale. La narrazione spinge il lettore a voler comprendere meglio l’arcano della famiglia Cocci, da tempo immemore custode della protezione del paese di  Ornello dall’influenza negativa di Albinia, antico essere malefico. La storia ha un suo modo particolare di svilupparsi che, attraverso il percorso dell’eroe impersonato dall’avvocato difensore, ci mostra come il cambiamento interno e la riscoperta dei propri poteri atavici a volte richieda semplicemente un requisito: la fede incondizionata, al di là di tutte le costrizioni delle nostre vite agiate. La Lattaro ci propone un vero e proprio incubo che lascia il segno. Dedicato a chi non ha timore di scoprire i pericoli dietro le leggende appena appena sussurrate.

Titolo: Cronache di sangue e nebbia
Autore: Allison J. Wade
Editore: Wade Books
Pagine: 318
51BaGfaQv2L._SY445_QL70_

Una bella storia quella che propone Allison J. Wade, ambientata a Middletown, una città di confine. Ma non si tratta di una separazione geografica, quanto della convivenza dei due mondi, quello degli uomini e quello delle creature demoniache che, ogni tanto, vanno a turbare gli equilibri degli esseri umani. A vigilare in modo diverso sul transito delle creature sono rispettivamente l’ordine dei Cavalieri di Salomone e i Figli di Ecate, due fazioni differenti che appaiono in contrasto tra loro ma che in realtà si ritroveranno ad affrontare delle situazioni che, in qualche modo, li rimetterà a rivedere le reciproche priorità. Una narrazione affascinante e ben calibrata fa da cornice a questa bella storia, che lascia senza fiato il lettore sino alla fine.

Titolo: Sangue del suo sangue
Autore: Gaja Cenciarelli
Editore: Nottetempo
Pagine: 344
sangue-del-suo-sangue-d138
Tra le storie di confine non poteva mancare Sangue del suo sangue, di Gaja Cenciarelli, una storia che mi ha colpito parecchio e che mi ha coinvolto. In questo caso il confine non si trova collocato al di fuori, nello spazio, ma dentro le persone. L’autrice ci descrive il percorso di vita di Margherita, una donna che sin da giovane ha subito i soprusi di un padre padrone prima e di un fratello poi fino a che, con tutta l’ingenuità possibile, un giorno decide di scegliere per sé cosa fare, allontanandosi da Torino per venire a Roma. Sullo sfondo di una vita vissuta sulle tragedie dei crimini politici degli anni ’70, che in qualche modo potrebbero ritornare nel presente, il lettore non solo può notare la cura documentale con cui viene resa la cornice sia attuale che storica, ma viene letteralmente rapito dalla sofferenza e dal dolore dei suoi protagonisti. Consigliato.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 agosto 2016 in Letteratura, Recensioni

 

Tag: , , ,

Cose mie #19

45001_10201550136786475_427540825_n
Perché non posso fare a meno di chiedermelo, al tempo che passa e che a volte non è mai abbastanza.
A tutti domani che invochiamo, rinviando quello che oggi, per poca voglia o anche solo per stanchezza, non riusciamo a scrivere e a cogliere nel segno.
Non mi chiedo dell’impegno no, ma solo del tempo che ci rimane. Di tutte le storie che vorremmo magari scrivere e che, forse, non riusciremo a farlo perché la vita ti abbandona nel frattempo.
Non lo conoscevo bene, ma è venuto a mancare pure lui, scriveva. E io me lo sono chiesto, per l’ennesima volta. Chissà se anche lui sperava qualcosa di più per le parole che aveva pubblicato, fino all’anno passato. Se in qualche modo si aspettasse che rimanessero o se invece sarebbero scomparse nell’oblio delle cose editoriali che ben conosciamo.
E non ho fatto altro che pensarci, ancora oggi. Che cosa resta dei sogni che mettiamo su carta? Che rimane del sudore e della gioia, del dolore e della fatica delle parole che raccordiamo in frasi, per costruirci un romanzo?
Che cosa succede a tutte le storie che non possiamo scrivere, perché si fa sempre drammaticamente tardi e domani potremmo non esserci e non fare più in tempo?
Delle mie, o delle tue, quale potrà essere l’orma di ciò che lasciamo alle spalle quando arriverà il mio, piuttosto che il tuo, di momento?
Non ho risposte, non oggi.
Solo domande, effimere, che si spegneranno presto tra i lucori della notte.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 agosto 2016 in Blog, Vita

 

Tag: , , ,

*Erika*[PersonaggiInCercaDiEditore]

Nome: Erika
La conosciamo in Sono solo parole
Età: 16
Capelli: Neri
Occhi: Verdi
Segno zodiacale: Leone

Erika ha un passato alle spalle, da cui cerca in ogni modo di affrancarsi. Ha cambiato scuola per scampare a quel gioco al massacro di dover ricordare quanto ha sbagliato e quanto è stata usata. Erika si sente “quella nuova” non appena arriva nella sua classe di prima liceo, in preda alla preoccupazione di non ricadere negli spettri dei suoi errori. E ci metterà poco, davvero poco, per far parte del gruppo e conoscere il vero senso della parola amicizia.

Canzone Preferita:

Non gli era mai capitato di scorgere un verde così cristallino. Il colore intenso di uno sguardo che in quel momento vagava, scrutando la loro bancata vicino alle finestre.
Simone aprì la bocca, poi la richiuse con un gemito soffocato che attirò l’attenzione della ragazza sconosciuta entrata da qualche secondo nella sua classe. Lei fece qualche passo nella sua direzione, attorno a Simone calò un silenzio improvviso.
Gli occhi smeraldo, la frangia nera e ribelle che usciva dal cappello, la pelle bianca, cosparsa qua e là di efelidi, le labbra tese, che tremavano appena.
Simone non riuscì a staccarle gli occhi di dosso. Che cos’erano quei brividi? Perché il cuore aveva accelerato come se volesse uscirgli da sotto la felpa?
Cercò di tornare lucido, ma gli bastò guardarla nuovamente per perdersi ancora.
«Ma chi è?» aveva sussurrato Alba, dietro di lui.
Preda. Prigioniero.
Si sentiva inerme di fronte a quel viso così grazioso. Già desiderava poterlo sfiorare, solo lui e basta.

Dal Capitolo 1 – La ragazza con cappello

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 luglio 2016 in Blog, Letteratura

 

Tag: , , ,